*

merry christmas

Chi Ama la Sicilia vi augura Buone Feste!

Categorie
No Profit

Lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri

Gentile Presidente Conte,

sono un comune cittadino. Appartengo alla metà d’Italia più vessata dalla pandemia. Avendo un’attività in proprio, devo combattere contro non uno ma due virus: Covid ed economia.

Per questo mi ha colpito la richiesta espressa ieri attraverso RadioRai da Franco Anelli, Presidente dell’Ordine dei Medici, di estendere a tutta la nazione la zona rossa già attiva nella Provincia autonoma di Bolzano e in quattro regioni, fra cui quella in cui vivo io (la Lombardia).

Mi ha colpito perché, visto il calibro del personaggio, non può essere stata mossa senza piena consapevolezza dell’impatto che un provvedimento del genere sortirebbe sul nostro tessuto economico e sociale.

Seguo ogni giorno i dati e ne faccio un post sul mio profilo Fb. Ieri la cifra che balzava all’occhio era quella dell’incremento dei ricoveri in corsia. Siamo ormai a oltre il 90% del picco massimo di quasi 30mila raggiunto il 4 aprile. Di questo passo lo superiamo in tre giorni, per poi proseguire la salita e fermarci chissà quando.

Oggi di Covid si muore molto meno che nella prima ondata, e pure molto meno ci si ammala gravemente, come attesta il progredire delle terapie intensive a velocità dimezzata rispetto a marzo. Tuttavia si finisce di più in ospedale.

Perché?

Non trovo altra risposta se non quella che viene indicata da più parti, ossia che il sistema dei medici di base ha smesso di funzionare. O non riesce a evadere le richieste o non dispone di una rete di comunicazione efficiente coi malati, i quali, a loro volta, dopo quasi un anno di pandemia, versano in condizioni psicologiche incompatibili con la gestione razionale dei sintomi. Si sentono male e, terrorizzati, corrono al pronto soccorso come se 38 di febbre significasse condanna a morte, oppure ragionevolmente esitano ma la mancanza di una congrua assistenza domiciliare fa precipitare le loro condizioni sino a rendere necessario il ricovero.

Le difficoltà della medicina territoriale sono annose. Purtroppo questo cigno nero le ha sbugiardate tutte.

Lei sa meglio di me che esistono medici di base di grande valore. Testimonianze di persone a me vicine certificano come anche in caso di Covid il rapporto diretto con loro renda spesso possibili cure efficaci, in grado di restituire la salute senza gravare sugli ospedali.

Allora la faccio breve e la scongiuro di voler provvedere con la massima rapidità al ripristino di questa rete.

Compito titanico. Ma sarebbe la prova che il posto sui libri di storia cui lei e il suo governo siete già destinati è meritato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: